Il tempo perduto è un bagaglio pesante

Immagine presa da qui

A un certo punto il malessere arriva. Come una mazzata tra capo e collo, come una spinta giù, dopo tutta la fatica fatta per salire in cima a quella montagna. Certo che arriva. O forse è sempre stato lì, in agguato, pronto a ghermirti al primo attimo di debolezza. Non sei così forte, non sei così forte, pare sussurri malevolo all’orecchio ormai stanco.

Lasciatemi stare, lasciatemi alle mie cose, a me, non posso continuamente inseguirmi. Lasciarsi andare, sarebbe bello…lasciare che il tempo agisca da solo, senza interporsi, senza agitarlo più del necessario, un lento, docile scivolamento verso un altro tempo.

In stile molto proustiano ho guardato al tempo passato e gli ho dato la dignità di un presente vivibile, accettabile. Gli insegnamenti, la memoria, il sentire che fu, mattoni per costruire una vicenda umana, per narrarla. E’ il mio bagaglio, e non lo rinnego. Ma non può essere il mio nutrimento per sempre. A forza di soffermarmi e guardare con incantata beatitudine a tutta quella saggezza antica, ho perso di vista lo scorrimento del tempo reale, che passa, mica aspetta. E ora dovrei correre? Non posso, non posso farlo ora, ora che le gambe cedono, ora che ho le braccia molli per il troppo peso sopportato, il peso mio e quello delle cose fatte e di quelle ancora da fare.

Guardo la mia ombra proiettata in avanti, nonostante me, nonostante il mio continuo voltarmi indietro. E’ questo l’errore? Si può camminare velocemente e con destrezza guardando costantemente ciò che si lascia indietro? Non si può. Eccolo qui il malessere, la tristezza, lo sconforto. Bisogna per forza abbandonare qualcosa, lasciarla lì dove si trova e voltarsi, per la miseria, voltarsi…ma quanto è difficile. Tutte le certezze accumulate in quel bagaglio che si chiama vita, a che servono adesso, adesso che sono solo il peso da lasciare in terra per viaggiare leggera?

Le metterò in un cassetto, questo farò. Ora devo scrivere una pagina nuova, che è lì, davanti a me, un foglio bianco senza aloni e senza gloria, un’incognita. Ripassando da  questo quando, perché accadrà, tirerò fuori quel che mi necessita, uno spunto, un confronto, sussistenza momentanea al maratoneta, poi andrò oltre. Ora però conta fare ordine, pulizia. Fermarsi, riprendere fiato, rifocillare l’anima, e poi correre.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...