Io, l’ascensore…E tu (ma com’è andata a finire poi con Claudio Baglioni?)

Immagine presa da qui

Immagine presa da qui

Ci sono racconti che a un certo punto bisogna scrivere. Una sorta di esorcismo. Te ne liberi e via, non ci pensi più. Macchè, non è così, e chi scrive lo sa bene. Mettere certi fatti nero su bianco serve solo ad aiutare la memoria, una sorta di soccorso preventivo per gli anni che verranno. Ma certi racconti possono rappresentare un outing pazzesco. Non solo per il contenuto, vero o finto che sia. Ma per il fatto che si mettono a nudo le proprie debolezze, le passioni a volte infantili, e pare quasi di violentare quella ragazza che eternamente vive nel mondo dei suoi sogni. E allora perché divulgarli? Perché…perché si arriva in quel momento della vita in cui non te ne frega niente di quello che gli altri possono pensare. E allora, tanto vale…

Annunci

One thought on “Io, l’ascensore…E tu (ma com’è andata a finire poi con Claudio Baglioni?)

  1. Pingback: La mia recensione a “Quella volta che sono morta”, di Cetta De Luca | Il sito di Giovanni Garufi Bozza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...