Seguendo il filo della memoria, un’altra storia sulle guerre coloniali in Africa. Il bel tempo di Tripoli, edizioni e/o

tripoli

Io scrivo davvero poche recensioni, e questo, caro lettore, l’avrai capito da solo. Le scrivo solo se il romanzo mi ha fatto prudere qualcosa dentro, se mi rendo conto che il mio incontro con quelle parole lì, proprio quelle, ha un suo perché nascosto. Poco tempo fa mi è stato chiesto di leggere e recensire Il bel tempo di Tripoli, scritto da Angelo Angelastro, giornalista RAI, e pubblicato da e/o Edizioni. Mi aveva colpita la sinossi: il racconto scritto delle memorie di un uomo, Filippo Salerno, che era stato in Africa nel periodo coloniale. Nello stesso periodo sono stata invitata a partecipare a #Libriamoci nelle scuole (il racconto qui), e in quella scuola di Rieti la seconda guerra mondiale era presente, come memoria, già nel personaggio storico cui è intitolata. E poi c’è Anna, il mio romanzo che racconta proprio di quel periodo, la guerra nelle colonie d’Africa di chi è rimasto ad aspettare. Ho pensato si chiudesse un cerchio. Nulla avviene per caso.

Il libro è un memoir, ma diverso dal solito, perché chi scrive non è colui che ricorda. E forse proprio per questo la storia è avvincente, addirittura intrigante, rivelatrice. La mia recensione, come sempre sopra le righe e senza spoiler, la trovate su Art a part of cult(ure). E sul sito di e/o Edizioni. E, un consiglio: leggetelo.

Il bel tempo di Tripoli. Il memoir di un uomo ai tempi delle guerre d’Africa

Quando si comincia a leggere un memoir, in genere sono due le sensazioni preponderanti: la curiosità da voyeur che è innata in tutti noi, specie se siamo avidi lettori di storie, e il dubbio che ne valga la pena.
Lo stesso Angelo Angelastro, giornalista e reporter, se lo pone nel lungo prologo alla narrazione vera e propria di Il bel tempo di tripoli (E/O Edizioni). Ma, come un esploratore che sa di aver trovato un tesoro, l’autore sa che la storia di Filippo Salerno, avvocato, fotografo, giornalista dei tempi delle campagne coloniali in Africa, è da svelare. [continua a leggere…]

Un manifesto per gli autori #Indie

writer-605764__180

Autori Indie, autori self, scrittori di serie A o di serie B, editori EAP e NO EAP, editori indipendenti e mainstream. Forse, poveri lettori, è giunto il momento di fare un po’ di chiarezza. E dopo l’acquisizione di RCS da parte di Mondadori (da qui la nascita dell’ibrido colosso “Mondazzoli”), essere indipendenti è diventata una necessità. Ne vedremo delle belle alla prossima edizione di Più Libri Più Liberi a Roma, credo. E spero. Se tutte le CE piccole e medie, indipendenti nel midollo, facessero davvero fronte comune. E se i lettori favorissero il coraggio e la volontà di queste realtà piccole ma di qualità. E se gli autori più noti sul mercato si rivolgessero a questi imprenditori folli. E se, e se… e se anche un De Carlo afferma che, ora come ora, decidere di auto pubblicarsi potrebbe essere un’opzione da considerare, forse i tempi sono maturi, forse il paradosso è che proprio un’azione mainstream promuova la pubblicazione indipendente.

Si utilizza molto il termine selfpublisher come sinonimo di “sfigato”, “testo – spazzatura”, “inqualificabile”, e tutto il corollario possibile e immaginabile coniato da chi, ahimé, si è imbattuto in libri che del libro avevano solo l’aspetto esteriore, e a volte neanche quello. Vero, è successo anche a me, specie negli ultimi mesi in cui, lontana dall’Italia, mi sono immersa in letture troppe volte rimandate. Letture di auto pubblicati e non, e spesso non notavo la differenza (in termini di brutture). Perché succede, anche troppo spesso ultimamente, che il benedetto e agognato filtro editoriale non funzioni, e quindi si pubblichi qualsiasi cosa pur di produrre carta (o file). Dunque cosa fa la differenza? La qualità, direte voi. E chi la garantisce? Oggi come oggi nessuno (ci sono le dovute eccezioni, ci sono). Ma il lettore accorto ha degli strumenti validi a disposizione, neppure dispendiosi. Il web, ad esempio, è una straordinaria vetrina dalla quale attingere spezzoni, estratti, esempi di scrittura di papabili autori del presente e del futuro. Le case editrici indipendenti offrono assaggi dei testi pubblicati, gli autori self fanno anche di più coi loro blog, quindi… perché mai caro lettore non fai una piccola ricerca online prima di tuffarti in un acquisto?

Ma veniamo agli autori Indie. Mi piace questo nome (dovremmo dire Indipendenti, perché siamo in Italia, ma per una volta accettiamo un termine internazionale). Sono self? Anche. Sono pubblicati da case editrici? Anche. Sono ibridi? Direi di sì. Che cosa li caratterizza allora? Una scelta. Tutto qua. Io sono un’autrice Indie, perché i miei libri sono stati pubblicati da case editrici, perché non ho sborsato un centesimo per farlo, ma anche perché alcuni miei testi li ho auto pubblicati, e non perché nessuno li abbia accettati. Ho scelto di non sottoporli al vaglio di una CE per svariati motivi: erano poesie, poche per farci una raccolta (e poi non è che io sia questa gran poetessa) e ho pensato che il target di riferimento non giustificasse l’impresa; erano raccontini, riflessioni, pezzi di diario che mi piaceva rendere pubblici per farmi conoscere meglio dai miei lettori; erano romanzi di cui avevo ripreso i diritti (accade quando scade un contratto con una CE) ma che volevo avessero ancora qualche anno di vita nella versione digitale. Le cose che pubblico, in qualsiasi modo, possono anche non piacere, ma non per questo i testi non hanno subito analisi, revisione, editing. Anzi. Il patto con il lettore io l’ho ben chiaro in mente, sono lettrice anche io!

In ogni caso il fenomeno self, che qualche anno fa era visto come il fumo negli occhi da puristi, autori, lettori, oggi sta diventando qualcosa di diverso. Si è infranto un tabù, mettiamola così, e ci sono già le dovute scremature. Certo in Italia arriviamo buoni ultimi nell’accettazione di questa realtà, ma qualcuno un giorno mi disse che forse è meglio, che guardare a quello che fanno gli altri prima di noi ci dà l’opportunità di copiare solo il buono e di evitarci gli errori grossolani.

La scrittrice inglese Orna Ross, fondatrice e direttrice dell’ALLI (Alliance of Indipendent authors ) ha da pochissimo pubblicato un documento che rappresenta molto bene il “patto con il lettore” che un autore deve fare. Una sorta di dichiarazione d’intenti in cui definire le regole sul nostro modo di lavorare e rivendicare l’indipendenza e l’autorevolezza del nostro lavoro. Ritengo pertanto che sia indispensabile definire quello che per noi è determinante nell’attività degli Indie e quello che ci contraddistingue rispetto ad altri autori, e per farlo aderisco all’iniziativa di Orna Ross e invito gli autori Indie che si riconoscono in queste parole a diffondere il Manifesto con gli strumenti a loro più congeniali. Ringrazio Marinella Zetti per la collaborazione nell’elaborazione del Manifesto e per la traduzione dell’originale.

Questo il testo (adattamento dall’originale)

Io sottoscritto dichiaro:
Che mai rinuncerò alle migliori opportunità di pubblicazione per gli autori e non permetterò all’industria editoriale di rinnegare le proprie responsabilità verso scrittori e lettori.
Pubblico i migliori libri di cui sono capace. Prima di farlo, ho imparato a soddisfare gli standard della pubblicazione industriale nella progettazione, formattazione, produzione, marketing e promozione del mio libro, e in seguito ho pensato a come spingermi in modo creativo oltre questi limiti. Nel fare del mio meglio, mi do anche il permesso di commettere errori, fallire, riprovare e fallire meglio.
Pubblico in tutti i formati e scelgo le piattaforme in modo da poter diffondere il mio lavoro nel modo più ampio possibile.
Decido autonomamente la pubblicazione delle mie opere avvalendomi degli strumenti tecnologici necessari per realizzare i libri in formato digitale. Quando lo ritengo opportuno decido anche di pubblicare la mia opera in cartaceo, sempre con l’obiettivo di renderla fruibili al maggior numero di persone.
Riconosco di essere più flessibile e più vicino al lettore di ogni altro operatore del settore. Proprio per questo invito quelli che si sentono minacciati dal self-publishing a ripensarci e a rivedere il loro pensiero nei confronti degli autori indie.
Non chiedo a nessuno il permesso di pubblicare, né una pacca sulla spalla, né un contratto che offende le mie competenze e il pubblico dei lettori. Invece, pongo domande sul modo in cui i servizi editoriali a pagamento e gli editori commerciali potrebbero meglio sostenere gli autori e servire i lettori.
Sono consapevole della mia posizione privilegiata in quanto sono autore ed editore di me stesso e proprio per questo posso permettermi, di pensare e ripensare il “libro” fino a che non sarò soddisfatto del mio lavoro. Una consapevolezza che mi accompagna in tutti i miei rapporti con gli altri professionisti dell’editoria e che si traduce in un vantaggio per me, per gli altri autori e per i lettori.
Sono orgoglioso del mio status di autore auto-pubblicato.

Primi sottoscrittori del Manifesto:

Cetta De Luca

Marinella Zetti

Flaminia P. Mancinelli

Mario Pacchiarotti

Sergio Bertoni

Dominique Valton

Francesco Zampa

Roberto Fraschetti

Sonia Lombardo

Livio Cotrozzi

Io avevo le scarpe ai piedi [La mia vita in Germania]

migranti2

Oggi ho visto i migranti. Sì, quelli sporchi, affamati, clandestini, naufraghi, terroristi che ogni giorno e ogni notte sbarcano sulle nostre coste per rubarci qualcosa, non importa cosa, fosse anche l’aria. Li ho visti arrivare in pullman e in treno alla stazione di Passau, ridente e turistica cittadina bavarese sul Danubio. Li ho “attraversati” mentre in file ordinate e silenziose si dirigevano dai volontari che li accoglievano con cibo, vestiti, giocattoli. Passavano scortati da poliziotti gentili. Sui loro volti ho letto smarrimento e sollievo, e posso capirli, sí, ci riesco.

Una donna, avrà avuto i miei anni pur dimostrandone molti di più, guardava una volontaria con gli occhi spalancati e lucidi, tra le mani un paio di pantofole col pelo. Non capiva cosa farne di quelle cose pelose, lei che ai piedi non aveva nulla. Il banco dei giocattoli era il più rumoroso, il più allegro, perché i bambini di tutto il mondo fanno gli stessi versi, hanno la stessa voce quando li sorprendi.

Oggi ho visto i migranti, quelli della TV, per la prima volta, ed è successo qui in Germania, alla luce del sole, e da migrante mi sono sentita privilegiata. Perché io non ho rischiato la pelle, perché io, ai piedi, avevo le scarpe.

migranti3migranti1