A che servono i libri? (scusate, ma ultimamente sono folgorata da queste domande esistenziali…)

I libri devono essere utili, altrimenti sono carta stampata buona per fare le barchette (senza considerare il disboscamento). I libri devono essere letti, è questa la loro utilità (altrimenti alleniamoci alla telepatia e restiamo ignoranti). I libri devono essere belli, così all’utile si unisce il dilettevole e abbiamo finito i luoghi comuni.

cover_alta-571x800

In ogni caso voglio informarvi che, in occasione dell’uscita in versione digitale di Anna (vi ho già detto in un post precedente dove trovarlo su Amazon e Ultimabooks. Qui vi dico che su LaFeltrinelli e su IBS trovate l’ebook e la brossura), i suoi fratelli maggiori (rispettiamo le gerarchie) sono in offerta gratuita su Amazon. Sì, mi dispiace, solo per lettura su kindle. Ma non disperate! Amazon è così lungimirante che dà l’opportunità di leggere un libro in formato “mobi” a chiunque, basta scaricare gratuitamente il software di lettura.

Vi metto qui il link a una sorta di Vetrina di Cetta (per praticità, non per megalomania), dove potete trovare Colui che ritorna, Nata in una casa di donne, El camino de regreso (e imparatelo ‘sto spagnolo, dai!) e, da domani, anche Cetteide GRATIS. Solo fino al 20 marzo però, che con l’eclissi di sole anche le promozioni si oscurano.

colui che ritornaHRR-1

Per acquistare la versione mobi clicca qui

 

Un regalo gratuito, come un sorriso

Lo dico da sempre, e forse non sono stata abbastanza chiara, per cui lo ripeto: incontrare i lettori, per uno scrittore, è sempre un’esperienza entusiasmante. Per questo, assieme ad altri scrittori (non tanti, ma sufficienti), ci siamo ritrovati oggi, 22 dicembre, alle ore 16, in Piazza del Popolo a Roma. Per incontrare i lettori. Ma non quelli invitati a una presentazione o in libreria, no. I lettori inconsapevoli, gli sconosciuti, quelli che non sanno neppure che esisti ma che da domani, magari, si ricorderanno di te. Perché gli sei andata incontro, gli hai sorriso e gli hai regalato un libro, il tuo.

Bolle giganti a Piazza del Popolo - Immagine presa da qui

Bolle giganti a Piazza del Popolo – Immagine presa da qui

Ora, non so se avete una minima idea di cosa sia Piazza del Popolo nel periodo di Natale. C’è il mondo e anche di più. Saltimbanchi, musicisti di strada, turisti, ragazzi, bambini, palloncini, luminarie, gente che gira col naso per aria, specie se Roma ti regala una di quelle sue giornate speciali, luminose. Eppure…eppure non li volevano mica i nostri libri all’inizio! La prima reazione quando ci avvicinavamo era di PAURA. Mio Dio, che situazione triste stiamo vivendo. Aver paura che, chi ti fa un dono, lo faccia per avere qualcosa in cambio. Non siamo più abituati ai regali GRATIS e, magari, accompagnati da un sorriso. Siamo diffidenti. Mi son sentita dire: “No, grazie, non ho nulla.” oppure “No, vado di fretta, ho un appuntamento.” Ma, sul serio ci siamo ridotti così? Accerchiati da mani che richiedono oboli, sommersi da chi vuole una firma, una sovvenzione, strattonati da questuanti, da politicanti, da urlatori proprio non riusciamo a concepire l’idea che qualcuno, con gentilezza, voglia DAVVERO farci un regalo.

Poi però qualcosa è accaduto. Significa che la comunicazione non è ancora morta, o forse che la parola “scrittori” ha ancora un profumo di buono. Quando la prima persona si è fermata e ha ascoltato che sì, sul serio, volevo regalargli il mio libro, scritto da me, senza chiedere nulla in cambio e che non si trattava di “roba politica”, ma di un romanzo, e che se voleva poteva regalarlo a sua volta, beh…non credo potrò mai dimenticare l’espressione sul viso di quella donna. E dopo il suo, quello di altri, e poi le domande, e poi voler capire perché lo stavamo facendo, e le strette di mano. Non ha prezzo tutto questo. Abbiamo gettato un seme e vedremo germogliare sorrisi. Questo è stato un grande Natale, in anticipo, la vera nascita di qualcosa. Io non dimenticherò nessuno di quei volti e so, ne sono certa, che nessuno di loro dimenticherà quei tipi, quegli scrittori, che in un pomeriggio di dicembre han regalato libri e un pezzetto di sé.