Chi ha paura dei cambiamenti?

Io no di certo.

Mi sono assentata per un po’ da questo blog perché la vita è tornata frenetica. Niente di particolare a pensarci bene, ma è la vita che torna e che esige attenzioni. Qualche giorno fa ho avuto una lunga conversazione con un amico e si è parlato della paura dei cambiamenti. Mi ha detto che noi donne abbiamo una marcia in più, che affrontiamo tutto senza timori, che questo mio ultimo anno avrebbe fatto tremare i polsi a chiunque, che, che, che… Capiamoci, qui nessuno si atteggia a eroe e certi fatti importanti, dolorosi, faticosi, spaventano. Eccome se spaventano. Ma la scelta spesso è una sola: lottare. Io ho avuto paura e ne ho ancora, ma vivere mi piace e per questo non mi lascio annichilire dal timore di non farcela. I cambiamenti servono anche a questo, a trovare il coraggio di superare un angolo buio del proprio cammino e riscoprire altre prospettive altrimenti ignote.

Ma veniamo ai fatti. In questi quarantacinque giorni di assenza ho deciso di cambiare casa, e già un trasloco è sufficiente per dare una bella svolta al proprio destino. Una casa piccolina, su misura per me, che mi veste tutta come un guanto, che mi somiglia. Poi ho chiuso il contratto di edizione di Anna. Per un po’ non la potrete acquistare, neanche online, ma solo per poco… Poi ho fatto le prime visite di controllo e ho capito che quelle mi accompagneranno per qualche anno, a cadenza confusa e costante. Questo è forse il cambiamento più sostanzioso, fare i conti con la mia fragilità, restare sospesa e accettare il crudele gioco dei responsi, come grattare un gratta e vinci e spizzare le icone una ad una. A questo non ci si abitua, e per fortuna.

Ci sono state altre cose belle, cose fatte di arte, di musica. Partecipo con altri diciassette scrittori a un’iniziativa fantastica organizzata dai Golden Book Hotels, un modo davvero intelligente per invitare alla lettura gli ospiti di questi hotels sparsi in giro per l’Italia. Noi Fab18 abbiamo regalato dei racconti inediti che potranno essere scaricati gratuitamente da chi soggiornerà in un GBHotel e qui potete trovare tutte le informazioni. C’è anche un trailer!

Mia figlia gira l’Italia col suo nuovo gruppo vocale, Occhi Chiusi In Mare Aperto, e i cinque talentuosi ragazzi riscuotono successo, tanto. Alla fine del post ci sarà un video, giusto per farvi capire cosa intendo per talento.

Tra poco comincerà Più Libri Più Liberi e non vedo l’ora. Voglio di nuovo immergermi tra le parole scritte e raccontate, voglio girare tra quei corridoi, curiosare tra gli stand, incontrare gli amici e i colleghi di penna (di computer forse è meglio), voglio parlare di come prendono forma i sogni ora che mi è di nuovo consentito sognare, ora che posso presentarmi al mondo con la mia nuova faccia che mi piace un sacco, anche se è diversa, anche se sono cambiata io, anche se dentro c’è una tizia tosta che combatte forte, fortissimo. E penserò a un signore che voglio chiamare amico, anche se non l’ho mai incontrato. Un signore che ha combattuto forte, fortissimo, che ha condiviso sui social la sua lotta estrema e ha dato a me e a molti altri una spinta a continuare, ad amare, ad amarsi che mai avrei creduto possibile. Un signore che con grazia e delicatezza ha usato parole importanti per raccontarci la sua CURA e che ora non c’è più. Severino Cesari, grazie per la forza che mi hai trasmesso nei giorni cupi e solitari. Ti leggerò con cura e non dimenticherò ciò che mi hai insegnato.

E adesso musica. #OCIMA

Annunci

NoBrandArt a PiùLibri PiùLiberi – Le belle intuizioni d’estate

LinkClick.aspx copialogo

 

 

 

 

Tutto è cominciato il 26 agosto 2013. Che poi non è neanche vero, perché la mia avventura nel mondo dei libri è cominciata tempo fa. Ma qui stiamo parlando di un’altra storia, quella di NoBrandArt, e la data d’inizio, la “start up” è stata il 26 agosto. Cominciai, dicevo, con un’intuizione che si tramutò in un articolo, questo (clicca qui). Volevo andare a PiùLibri PiùLiberi, Fiera della piccola e media editoria a Roma, da sola. Nel senso che volevo uno stand di autori, scrittori, professionisti dell’editoria NON supportati da case editrici. Pare una cosa da poco, ma non lo è. Perché qui non si tratta della fiera del libro. I soggetti sono altri. E degli scrittori che ci vanno da soli a questa fiera è come voler dire che l’editoria sta cambiando e che questi strani soggetti, coloro cioè che i libri li scrivono, sono imprenditori di sé stessi, paragonabili agli editori, professionisti seri in questo settore. E andare alla loro fiera è una provocazione davvero molto molto forte.

Da quel 26 agosto sono accadute molte cose. Tanti sono stati i colleghi entusiasti dell’idea, tanti hanno tentennato, preoccupati delle reazioni e delle conseguenze di un tale gesto. Ma alla fine si è creato un gruppo coeso di 23 persone fortemente motivate e pronte a dire la loro al pubblico e, sopratutto, ai lettori. NoBrandArt è un acronimo che li raggruppa, è un segnale forte col quale si vuol dire al lettore che, oltre la “scorza” delle apparenze, in un libro c’è di più. Ci sono i contenuti, che poi è quello che conta. E spesso questi contenuti sono messi in secondo piano da mere logiche di mercato editoriale. Gli scrittori vogliono restituire ai lettori quel rapporto di genuinità e di qualità che è il cardine su cui si fonda il rispetto per la divulgazione culturale. E vogliono raccontargli come fanno a raggiungere questo obbiettivo.

Il 5 dicembre, inizio della Fiera, è vicino, e di questa iniziativa già si parla. Lo ha fatto Bibliocartina qui e lo ha fatto Lungotevere.net qui. Il comunicato stampa (sì, facciamo le cose seriamente), è stato pubblicato sul Corriere del Web qui, e sappiamo che molti media sono incuriositi da questa iniziativa. Aspettiamo che si facciano avanti, magari alla conferenza che si terrà allo stand A24 il 7 dicembre alle ore 16.00.

Io, in questo momento, sono pronta ai nastri di partenza, in attesa che la giostra cominci perché, come ha detto qualcuno, finché non sarò seduta su quel cavallino in movimento non mi potrò rendere conto di esserci riuscita. Sono stati mesi faticosi, snervanti, ma chi mi conosce sa che la parola “arrendersi” non fa parte del mio vocabolario. E devo dire grazie, un GRAZIE enorme, ai miei compagni di viaggio, straordinari supporter, che hanno deciso di salire, su quel treno partito il 26 agosto, con me e condividere il viaggio. E che viaggio! Quando saremo arrivati a destinazione vi racconteremo il resto, ma ho la sensazione che, da questo convoglio, non scenderemo tanto presto.

Gli Autori Indipendenti, il Selfpublishing e le nuove frontiere dell’editoria. Verso un manifesto per la N.B.A. (No Brand Art)

LinkClick.aspx copia

N.B.A.

(NoBrandArt)

L’editoria, lo sappiamo bene, sta vivendo una crisi profonda. Il mercato degli eBook, che tanto spaventava le Case Editrici, è destinato ad espandersi, riducendo drasticamente i costi di produzione di un libro e quelli di distribuzione. Ma allora perché le CE non approfittano di questa opportunità? Il timore che i prezzi molto bassi degli eBook svilisca il mercato è un timore infondato. Resta il fatto che, in questo momento almeno in Italia, vi sono tre realtà attinenti l’editoria che cercano, malamente, di convivere: Le major editoriali (CE di catena), la piccola e media editoria indipendente e il selfpublishing. Non inserisco nel terzetto le EAP perché non sono da considerare case editrici. Qualcuno potrà obiettare che neppure il selfpublishing è editoria. A mio avviso sì, perché sono presenti, al suo interno, tutte le fasi di pubblicazione di un libro, anzi di più: la creazione, la ricerca grafica, la correzione della bozza, l’editing, la pubblicazione, la distribuzione.

Partiamo da un assunto generale ma essenziale. I soggetti in letteratura sono due:

1)      Lo scrittore

2)      Il lettore

Senza questi due soggetti l’editoria NON esiste. Accade invece un fatto straordinario. Le Case Editrici hanno, come interlocutori, i librai. Per carità, loro devono esistere, reali o virtuali che siano, guai se così non fosse. Loro sono il “luogo” per eccellenza per far circolare i libri. E allora le CE li invadono di prodotti di vario genere, più o meno validi, lasciando che i librai facciano il loro mestiere: vendere. Nel caso delle major la distribuzione avviene prevalentemente nelle librerie che io definisco GDO (quelle cose immense dove trovi di tutto, anche il caffè), in cui i libri sono esposti in pallet, pile, cataste, mucchi di carta variopinta e il libraio è snaturato da quello che è il suo mestiere. Sta lì alla cassa e si limita ad incassare quello che lettori imbambolati hanno, a volte incautamente, acquistato. Quindi NESSUNA ATTENZIONE AL LETTORE. E neppure allo scrittore, se è per questo. Le major tendono a pubblicare solo libri che fanno cassetta, di nomi noti o di autori stranieri da tradurre, per rientrare più in fretta possibile degli anticipi sui diritti già elargiti e spingere affinché QUEL libro diventi magari un film o giri in TV. Da lì sì che si fanno ricavi! Con un autore nuovo una cosa del genere non accadrà mai.

Nel caso della piccola e media editoria indipendente, in genere la linea editoriale della CE e quella della libreria coincidono. La casa editrice seleziona autori e libri e la libreria fa lo stesso. Qui c’è l’attenzione al lettore, e pure allo scrittore. I tempi di pubblicazione sono lunghissimi perché, ovviamente, le CE sono intasate di manoscritti da leggere e valutare (gli scrittori lo sanno che è proprio lì che si fa lavoro di qualità), ma quando ciò accade si può star certi che l’autore sarà seguito e supportato per emergere. Siamo sicuri? Alcune CE medie (poche, così poche che sono mosche bianche) lo fanno, è vero. Perché hanno sposato la causa dell’indipendenza, perché puntano sulla validità di un prodotto e difendono il “progetto” autore/libro fino alla fine, perché scommettono per vincere. E allora investono nella promozione e nella distribuzione mirata. Non ci saranno grosse cifre nelle vendite, ma sicuramente si farà un lavoro di qualità e l’autore aumenterà il proprio seguito. Un volano per il futuro. I lettori difficilmente restano delusi da queste operazioni. E da queste letture. Il problema è che la maggior parte di queste CE lo scrivono sul contratto che È RICHIESTA LA PARTECIPAZIONE DELL’AUTORE per le attività di promozione. E ben venga, mi pare più che giusto che l’autore ci metta l’impegno e la faccia. Purtroppo è altresì vero che, nella maggior parte dei casi avviene il contrario: l’autore si AUTOPROMUOVE  e forse, dico forse, la CE a volte presenzia. In realtà gli autori si trovano a combattere con, nell’ordine:

  1.       Eventi da organizzare
  2.       Presentazioni da presenziare
  3.       Recensioni da “supplicare”
  4.       Attività social “molesta”
  5.       Copie di libri da richiedere e da “rivendere”
  6.       Libri che NON si trovano
  7.       Copie che NON vengono ristampate
  8.       Comunicati stampa “self made”

L’elenco sarebbe ancora più lungo, ma mi fermo qui, per poter rifiatare. Voi mi direte che per tutti gli autori esordienti è sempre stato così. Certo, ma ormai si è giunti a un punto di non ritorno, e bisogna frenare in fretta perché non è pensabile che uno scrittore faccia questo “lavoro” per ricevere poi, forse, solo una misera percentuale sui ricavi, al netto di tasse e spese. E per cosa poi? Per dare al lettore la “garanzia” certificata da una CE sulla qualità della propria opera? Siamo sicuri anche di questo?

E qui arriviamo al selfpublishing. Col selfpublishing l’autore fa esattamente le stesse cose dei punti suddetti ma ha la possibilità di controllare tutto, proprio tutto il processo distributivo, i costi, i ricavi, e via dicendo. Può, ad esempio, stabilire un prezzo bassissimo per i suoi eBook. Li può regalare. Può scegliersi la copertina. Può scegliersi l’editor con cui andare, magari, d’accordo. Anche qui c’è un problema però. Gli scrittori vanno “a scuola” di selfpublishing e spesso fanno a meno delle professionalità necessarie per fornire al lettore un prodotto valido. Fanno proprio tutto da soli. E in giro c’è tantissima “fuffa”. Come può il lettore fidarsi di uno scrittore auto pubblicato? E, badate bene, lo scrittore auto pubblicato ha ben poco di diverso dallo scrittore pubblicato da CE piccole e medie indipendenti. Manca solo il timbro di qualità.

Allora torniamo ai lettori. Sono loro i destinatari di tante pagine scritte, stampate, digitalizzate. Torniamo a parlare del rispetto che gli dobbiamo. Gli scrittori ci stanno provando, onestamente. C’è tutta una “corrente” di autori che sono stati pubblicati e hanno anche scelto di auto pubblicarsi (per ovvi motivi, direi) che si avvalgono di professionisti, che investono su sé stessi (tanto dovrebbero farlo comunque) e che intendono far prevalere i contenuti sull’apparenza. N.B.A. (No Brand Art) vuole essere questo: un filtro, uno strumento per guidare il lettore verso scelte consapevoli anche nel mondo del selfpublishing. Vogliamo che le CE riprendano quel ruolo che è loro consono di “divulgatori di cultura”, perché la crisi dell’editoria, probabilmente, è cominciata proprio quando hanno smesso di occuparsi di questo.

Alla Fiera della piccola e media editoria di Roma, PiùLibri PiùLiberi un gruppo di questi scrittori ha preso uno stand e ha deciso di cominciare questo nuovo dialogo con i lettori, stabilendo un rapporto di fiducia. Lo ha fatto col supporto della FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori) e con l’adesione al progetto di altre figure professionali importanti nella filiera editoriale: editor, grafici, giornalisti. Non era mai successa una cosa del genere. E questo è solo un primo passo. Incontriamoci dal 5 all’8 dicembre al Palazzo dei Congressi a Roma: sarà un bel confronto.

80 Euro: il prezzo della gloria per chi scrive…

CONSULTANDO BAGLIORI D'ESTATE            LinkClick.aspx copia

Dicono che tutto ha un prezzo. Non è vero per tutto, ma per alcune cose sì. Per esempio 80 euro è il prezzo per un autore che vuole partecipare a testa alta alla Fiera dei libri della piccola e media editoria di Roma, Più Libri Più Liberi.

Senza elemosinare un invito, senza telefonare all’amico dell’amico per, nel migliore e raro dei casi, trovarsi a presentare di fronte a una platea di sedie vuote il frutto del proprio lavoro.

80 Euro è il prezzo che costa l’acquisto di un piccolo stand alla Fiera di Roma se ce lo dividiamo in 20. Sembra una cosa semplice, ma non lo è affatto… Stiamo già abbozzando il programma e siamo certi solo di una cosa: che il nostro stand sarà piccolo, ma affollato. Lo si capisce dai feedback che sto ricevendo dagli operatori in questi giorni.

 Un mese fa, quando mi venne l’idea di andare alla Fiera del libro a Roma con altri scrittori, non avrei mai detto che quest’idea avrebbe potuto realizzarsi.

LA FIERA DEL LIBRO NON È PER GLI SCRITTORI…

Perché? Perché è impensabile che ci sia uno stand di scrittori e professionisti dell’editoria in una fiera del libro. Pare assurdo ma è così. Alla Fiera del Libro di Roma possono esporre piccoli e medi editori, anche a pagamento, va benissimo, ma non Scrittori, Editor e Grafici, coloro che il libro lo creano insomma. Neppure da Selfpublisher, che significa che sono Editori di se stessi. Niente. È la prima volta che capita una cosa del genere. NON LO AVEVA MAI FATTO NESSUNO.

E dunque l’ho fatto io. Ho inviato il modulo di prenotazione dello stand e ho chiesto ai miei amici scrittori e professionisti di unirsi a me in questo viaggio. Devo essere sincera. Per superare le problematiche di tipo amministrativo, perché quelle ci sono (non ho ancora la forza di cambiare l’Italia, ma, mai dire mai) ho chiesto e ricevuto l’aiuto di Officine Editoriali di Mara Pantanella, che è una Casa Editrice digitale piccola, nuova e innovativa, che si è unita al gruppo con entusiasmo e che ringrazio in anticipo. Tanto per dire che non è vero che gli scrittori che si autopubblicano sono “contro” gli editori e chi racconta questo mente sapendo di mentire.

Al mio appello hanno risposto in molti e già siamo a buon punto col numero di partecipanti che mi ero prefissata, ma ne mancano ancora per riuscire a completare l’impresa. Perché ci sono spese da sostenere, questa cosa qui non è gratis, e si sa che gli scrittori non navigano certo nell’oro.  In questo momento siamo in lista per ottenere lo stand e, facendo i dovuti calcoli, ci sono ancora pochi, pochissimi posti, 5 per essere precisi, per partecipare a questa iniziativa rivoluzionaria. La scadenza dei termini che mi sono prefissata è vicina, quindi non siate timidi e fatevi avanti. Dopo il 15 settembre resteranno solo posti in piedi, o meglio, affacciati alla finestra, a guardare.

Scrivetemi qui, solo se realmente interessati

sedcetta@gmail.com

Alla fiera dei libri: da sola, ma con i miei amici lettori e scrittori Vuoi venire anche tu?

Dedicato a chi non è amico di Fabio Fazio.

LinkClick.aspx copia Immagine presa da qui

Ci ho pensato un po’ a come comunicare questa idea che mi è venuta in mente e, come capita a tutti gli scrittori prima o poi, mi son mancate le parole.  Quindi lo dico così, direttamente: vado alla fiera del libro Più Libri Più Liberi, a dicembre a Roma, e ci vado da sola. Ma non come visitatrice. Ci vado come scrittrice che ha pubblicato diversi libri, da selfpublisher e con case editrici “vere”, non quelle a pagamento.

Ci vado perché ci sono le case editrici, ci sono i lettori, ci sono gli addetti stampa ma, come spesso accade, di scrittori ce ne sono ben pochi dove ci sono i libri. Ci vado con uno stand tutto mio che sarà open, ma sul serio, per parlare di libri, dei miei ma anche quelli dei miei amici e di quelli che consigliano i lettori. Per parlare dei libri, bellissimi, che non finiscono sulle classifiche degli inserti letterari e di cui non si parla il sabato sera a Che tempo che fa?

L’idea la sto già covando da un po’. Mi sono detta: trascorro tanto tempo a farmi promozione sul web, con gli eventi in giro per l’Italia, perché non recuperare lo spazio antico della fiera? Quello delle conversazioni prima che del commercio. Con persone simili e interessate ai libri e alle storie che ti emozionano, come quelle che cerco di raccontare con i miei libri.

Avrà un costo questa “operazione fiera” ma io sono disposta a correre il rischio. Che poi è molto inferiore a quello che troppi scrittori pagano per essere pubblicati. Quelli sì che sono scrittori soli che vanno da soli allo sbaraglio!

Invece il mio treno – ovvero lo spazio che acquisterò alla fiera – avrà le porte aperte e si potrà salire in corsa, come nei vecchi film western, verso la Nuova Frontiera dei libri. Senza aspettare chi resta indietro a rincorrere un mondo dell’editoria che non c’è già più anche se, magari, fa finta che così non sia.

Il treno della nuova editoria è già partito e se anche tu, lettore o scrittore, vuoi saltar su chiamami che ne parliamo. Se vuoi partecipare la scadenza è il 15 settembre.

Contattami qui: sedcetta@gmail.com

Cetta

PS

Riguardo al come sarà e cosa si farà allo stand ho tante cose in mente. Un fatto è certo: di questa partecipazione se ne parlerà e sarà divertente. Chi l’ha detto che gli scrittori sono dei tristi babbioni?