Come promuovere il tuo libro? Scrittori fuori dalla rete.

Immagine presa da Finzioni Magazine

Immagine presa da Finzioni Magazine

Quello che facciamo ogni giorno, senza neanche porci il problema se ciò è utile o meno a noi o a chi ci legge (se ci legge), è essere presenti sui social. Fioriscono come i fiori a primavera gruppi e community che parlano di tutto e del suo contrario ma che, alla fine, condensano in bacheche affollate la smania individuale di essere visibili. Per combattere la paura dell’anonimato. E questo vale per tutti, qualunque sia l’occupazione, la competenza, l’ambizione.

Per gli scrittori poi il capitolo potrebbe essere infinito, perché si sa, gli scrittori sono, oltretutto, narcisisti, e il loro bisogno di essere visibili va ben oltre la mera opportunità di esistere in quanto tali, ma si somma al desiderio imprescindibile di essere letti. Altrimenti che scrivono a fare? O meglio, che pubblicano a fare?

Ho esplorato lungamente i social network e ho trovato addirittura community di web e social specialist che raccontano metodologie, escamotage, tecniche di marketing, e lo raccontano facendo marketing per se stessi. Ho chiesto: “Ma c’è qualcuno che ha pensato di specializzarsi sul marketing per scrittori? Secondo me diventerebbe miliardario.” Niente. Silenzio. Perché quando ci si scontra con la necessità di promuovere un sogno e non un prodotto, non è una cosa facile da fare.

I consigli però si sprecano. Apri una pagina su facebook, cinguetta su twitter, scrivi un post al giorno sul tuo blog, no, meglio due a settimana, sii te stesso, cura la tua personal reputation, alimenta la curiosità, rendi interessante ciò che scrivi, stimola all’interazione, usa gli emoticons, rendi accattivanti i tuoi articoli con le immagini, condividi, linka, tagga……..e sono appena all’inizio. È una gran fatica, un lavoro insomma. E pensare che tutto questo gli scrittori devono farlo da soli, perché non ci sono social specialist che vogliono farlo. E oltretutto gli scrittori devono pure: scrivere il proprio libro, lavorare, mangiare, respirare, vivere. Non è divertente, per niente. E non è neppure detto che questo mix di ricette funzioni. Perché basta che i distratti “amici” del web non facciano quelle operazioni ovvie, semplici, naturali legate alla legge della condivisione, che tutto diventa assolutamente INUTILE. Puoi aver scritto l’articolo più bello e interessante del mondo, ma se gli altri si limitano a condividerlo senza neppure leggerlo, senza lasciare un seppur minimo commento sul tuo blog o sito, non hai ottenuto nulla.

Per questo io mi sto creando le mie di regole, di metodologie. Sono tornata all’antico: una decrescita consapevole. E mi diverto anche. Sì, certo, ci sono sui social, ho il mio blog, ma faccio solo ciò che mi piace, e quello che più mi piace fare adesso è incontrare la gente. E scrivere. E allora arrivano le idee, che di innovativo hanno solo il fatto che quasi nessuno le mette più in pratica. Il teatro in libreria per esempio. Ecco, io sto organizzando una piccola piéce teatrale che conterrà il mio libro e quello di un altro scrittore. E avremo un musicista che ci farà la colonna sonora. Come una volta al cinema, quando c’erano i film in bianco e nero, pure muti, col pianista da un lato che suonava.

E poi lo spettacolo andrà in tournée magari, magari nei pub, magari sulla spiaggia d’estate. Tiriamo fuori i nostri libri dalla rete e li facciamo diventare rete di individui reali, in carne ed ossa. E torniamo ad essere individui anche noi. Che è più bello, secondo me.

Da un sito all’altro, IL GIOCO SVELATO DEL WEB

Mi avete seguita davvero in tanti oggi sul mio nuovo sito. Era un post “difficile” e anche scomodo, ma non si può sempre tacere, non si deve. Grazie…
DAL BUCO DELLA SERRATURA ovvero IL GIOCO SVELATO DEL WEB http://wp.me/p2HEXs-U

DAL BUCO DELLA SERRATURA ovvero IL GIOCO SVELATO DEL WEB

 “Mentre ti scrivo quelle che son certo consideri delle porche schifezze, credimi, raggiungo degli orgasmi incontenibili che non pareggerebbero quelli veri…” La email che conteneva questa frase, una delle più leggibili, assieme alle altre che ho ricevuto, appartiene a una “raccolta” per la quale ho preso i dovuti provvedimenti. Erano email, esplicite, dirette, che mi hanno provocato un certo disagio. Non per ciò che c’era scritto, ognuno può esprimersi liberamente, e, sinceramente, veder scritte nero su bianco le fantasie di questo individuo mi fa rimpiangere le letture adolescenziali dei fotoromanzi, perché quelli almeno mimavano la realtà. Potevo non leggere, potevo cestinare il messaggio e punto. Il problema è un altro: il mittente delle missive ha detto di conoscermi ma non si è firmato. Questo anonimato forzato, per chi lo subisce ovviamente, è la più vigliacca delle violenze che possano essere perpetrate da qualcuno, sia donna o uomo. Si crede di poter giocare con le paure inconsce, instillando il seme dell’incertezza che genera mostri. Uscire, andare tra la gente, che fino a un attimo prima guardavi con simpatia, con fiducia può diventare un momento di intollerabile angoscia in cui si ritrova il sentimento del sospetto, del dubbio, con la consapevolezza che “lui sa chi sono ma io no, lui potrebbe anche decidere di farmi del male mentre io gli sto regalando la mia amicizia….”. Ecco, nessuno, davvero nessuno, MAI, può arrogarsi il diritto di ledere in qualche modo la nostra sicurezza, la nostra serenità, la nostra libertà e di generare in noi il sentimento della paura, né tantomeno può pensare che tutto questo passi inosservato.

Io scrivo di donne sensuali. Tutte le donne lo sono, a mio avviso, e io ne parlo, lo lascio immaginare. Qualcuno un giorno mi ha detto che una scrittrice, solo per il fatto di essere donna che scrive, “attizza”. Ho sorriso di questo, e non mi sono sentita offesa, anche perché chi lo ha fatto mi guardava in faccia mentre lo diceva. Fa parte del rito uomo/donna, non c’è nulla di più naturale e sarebbe ipocrita negarlo. Però può accadere anche che l’immaginario di qualcuno travalichi i limiti della decenza. E qui non parlo del fatto che un uomo, o una donna perché no, possa improvvisamente farsi prendere da masturbazioni mentali nelle quali l’oggetto del suo desiderio si identifica con la scrittrice. Parlo proprio del fatto che questo desiderio non può, non deve, invadere la sfera del privato senza consentire una qualunque chance di difesa. Si possono avere fantasie di qualunque genere, si può scrivere di questo, si può anche parlare di questo, ma sempre e comunque allo stesso livello di consapevolezza. Io so, tu sai, noi interagiamo, noi possiamo dire si o no. Quando la decisione di relazionarsi è univoca, questo è violenza, anche se non c’è contatto fisico.

Purtroppo il fenomeno degli “stupratori virtuali” (perché questo sono) è in crescita, e non si limita solo a siti web dedicati o a community di poveri mentecatti. Se addirittura possono esistere incarichi lavorativi atti a monitorare quanto il web quotidianamente propina a ignari o meno ignari utenti (http://www.today.it/tech/Il-peggior-lavoro-di-Google.html ) o se ancora Amazon viene citata per la pubblicazione (il self-publishing e il dio denaro possono portare anche a questo) di ebook come questo

“Age of Consent: A Sex Tourists Guide!” by Peter F. Friedmann. Ebook rimosso da Amazon

(http://www.huffingtonpost.com/2012/08/02/amazon-sex-tourism-pedophilia-love146_n_1735427.html ), libro prontamente rimosso ma bisogna verificare con quale motivazione, ci rendiamo conto che bisogna fare qualcosa, per tutelarci, per proteggerci. Gli strumenti ci sono. Usiamoli, io l’ho fatto. E parliamone, di più, più spesso. In fondo questi maniaci del web altro non sono che dei mitomani vigliacchi, che preferiscono guardare dal buco della serratura le vite degli altri piuttosto che viversi la propria. Io però non ci sto. Game over.